Vittorio Salvotti

Via Mangano, 21
25086 Gavardo (Brescia)
Tel. 0365372838 Fax. 0365379455
e-mail: salvotti@gmail.com
P.IVA 00452080989

Risorse accessibili

Presentazione

L'attuale sistema tributario Italiano prende corpo da un'innovativa serie di norme che sono entrate in vigore negli anni 1972 e 1973 sul presupposto d'un adeguamento del prelievo alla capacità contributiva, d'una semplificazione del sistema di riscossione e sulla prerogativa del contenimento e contrasto all'evasione. Le riforme successive non hanno modificato la struttura del sistema tributario italiano che si basa su imposte dirette, imposte indirette e contributi. Il conseguente gettito che ne è derivato con certa costanza, è all'incirca il seguente:

  • Imposte dirette 35%
  • Imposte indirette 35%
  • Contributi 30%
con una tendenza all'aumento dei contributi.
Maggiori informazioni sono reperibili presso l'Istituto nazionale di statistica.

Imposte dirette

Sono dirette le imposte che non si trasferiscono, quelle cioè che rimangono a carico di chi è obbligato (percosso) dalla legge a pagarle. Sono basate sul possesso della capacità contributiva derivante da reddito o da patrimonio. Le più rilevanti imposte indirette sono l'IRPEF, l'IRES e l'IRAP:

Imposte indirette

Sono quei tributi che non sono commisurati al reddito, ma colpiscono la manifestazione indiretta della capacità contributiva. Si parla ad ex di imposte sui consumi (IVA) o sui trasferimenti (imposta di registro).
Approfondimenti sono accessibili ai seguenti links:

Società commerciali

Le società commerciali sono definite dal Codice Civile al libro quinto titolo quinto capo terzo e successivi, in particolare le società di capitale (cui al capo quinto e successivi) sono state notevolmente riformate dal Decreto Legislativo 17 gennaio 2003, n. 6 "Riforma organica della disciplina delle società' di capitali e società' cooperative, in attuazione della legge 3 ottobre 2001, n. 366" pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 17 del 22 gennaio 2003 - Supplemento Ordinario n. 8.
La disciplina sulle società commerciali è continuamente oggetto di aggiornamenti e un link utile sull'argomento potrebbe essere il seguente:

Valori mobiliari

E' genericamente qualificato valore mobiliare il titolo emesso da soggetto pubblico o privato e possono essere rappresentativi di quota capitale del soggetto emittente o quota di un prestito erogato al soggetto emittente. Essi sono citati nel sito poiché oggetto di particolare interesse sotto il profilo tributario e sono classificabili principalmente in titoli a reddito fisso ed a reddito variabile. Gli interessi o dividendi derivanti dal loro possesso partecipano alla definizione del reddito imponibile e tassato come rendita finanziaria. D'aiuto al profilo fiscale dell'argomento è l' Agenzia delle Entrate.

Immobili

Gli immobili sono oggetto in Italia di un sistema di tassazione veramente complesso. La complessità deriva dalle numerose tipologie d'immobili esistenti, dal modo con cui sono trasferiti, dalle agevolazioni che la legge concede, dal possesso a titolo privato, pubblico o nell'esercizio d'impresa. All'interno dell'esercizio d'impresa le fattispecie ancora prevedono differenze secondo che l'oggetto dell'attività sia o non, quella immobiliare. La complessa problematica sugli immobili esiste sia per le imposte dirette sia per quelle indirette applicabili agli immobili. L'Agenzia delle Entrate ha prodotto sull'argomento alcune guide fiscali ad uso dei cittadini quali:

Servizi a pagamento

Per i servizi a pagamento esporre il problema all'e-mail indicata. Riceverete un preventivo di spesa.

Contatti

Dott. Vittorio Salvotti
Via del Mangano, 21 - 25086 Gavardo (Brescia)
Tel. 0365372838 Fax. 0365379455
P.IVA 00452080989
web: http://www.salvotti.com
e-mail: salvotti@gmail.com